spot_img

Silvan il Ragno, lo chiamavano Trinità…

silvan

Silvan Schupbach

Di Silvan, straordinario compagno di Teo, Luca e David all’Uli Biaho ho da raccontare questo. Eravamo al wenden in una delle giornate di riprese del film, con Paul, Franz e Teo, e Pepe a riprendere.
Nebbia e zero termico sui 3000, niente di trascendentale ma ovviamente si scalava in maglia a manica lunga all’inizio e in micropile prevalentemente, assicurando in primaloft o piumino.

Ad un certo punto si presenta Silvan, precisamente alle 12.30,  con un ragazzino con pantaloni lunghi della tuta (Nike, per la precisione) e giubbino della tuta che, dico la verità, io e Paul ci siamo un pò guardati ( con tutto il rispetto per l’American Conturella, da lì sembrava arrivare); Silvan aveva una maglietta bianca di cotone con buchi larghi e sparsi, alla Terence Hill. Saluti e salutoni, e gli chiedo, Silvan ma non hai freddo? Lui (che sorride perennemente): No, no, I like cold. E parte per la via con il ragazzino che in verità un po’ infreddolito mi pareva…per la via Niagara, dove non è possibile calarsi in doppia dopo qualche tiro. A quel punto erano le 13.00.

A fine giornata al parcheggio arriva al buio e della coppia nessuna traccia. Dico a Teo, ehi, mi sembra un po’ tardino e quel ragazzino non mi sembrava molto rapido. Teo mi fa, eh in effetti è vero, armeggia con la rubrica e al terzo tentativo si sente una voce serenissima all’altro capo. Teo ci dice, stan facendo le doppie, dice tutto bene. E se la ride.

Un’altra volta Teo era partito per raggiungerlo e con lui aprire una via su una fantomatica parete gigantesca ed inviolata della Svizzera. Gli dissi che mi pareva strano che nel 2012 ci fossero pareti enormi e senza vie in Svizzera. Dice che ci sono oltre 4 ore di avvicinamento.Va beh, è una mazzata per aprire, ok, ma manco una via.Eh in effetti.Ed in effetti la parete si rivelò, come raccontò Teo, una ragliata di marcio senza precedenti, e “fortunatamente è arrivato il brutto e siamo scesi”.

Insomma, un entusiasta che non sta mai fermo, che su ghiaccio e misto va come i migliori svizzeri ( cioè, come i migliori al mondo), e che su roccia in una capatina alla grotta di Mezzegra ha salito l’8b al secondo giro, mentre io l’ho visto a Cresciano, appesantito dall’Inverno, cadere un pomeriggio su un 8b “sono un po’ fuori forma”.

Quando domenica sera Teo mi ha telefonato dalla base della Ovest dell’Uli Biaho dicendomi che erano stanchi e preferivano tornare al campo avanzato la mattina anche se davano brutto tempo non mi sono preoccupato perché c’era Silvan, e sapevo che c’era un problema di misto non indifferente e Teo e Luca sul misto dovevano per forza credere in Silvan. Teo e Luca hanno un buon rapporto con il freddo, e di Slvan mi sono ricordato la canottiera bucata alla “Lo chiamavano Trinità”.

Poi passavano le ore e non è stato per niente rilassante, esattamente come le ultime ore della Egger. Avevo detto a Teo di chiamarmi dal campo avanzato, ma lui aveva replicato dal campo base, e non potevo ordinare niente di diverso perchè ovviamente era giusto che smontassero le tende del campo avanzato per non tornare più su, e mettersi a telefonare, anche solo per un minuto, è un’inutile perdita di tempo.L’sms è arrivato alle 19.50 ora pakistana, quindi tardissimo. Buio e con la neve, per intenderci. Non hanno chiamato e questo vuol dire che almeno Teo era al lumicino delle energie.

Secondo me le facce erano queste: Silvan rideva, Luca sorrideva, e Teo entrato in tenda avrà detto, che ragliata.

 

 

Related Articles

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Rimani connesso con noi

28,000FansMi piace
47,981FollowerSegui
8,460IscrittiIscriviti

Categorie

Ultime News