spot_img

SALENTO, falesia delle Mannute

salento mannute_new

  1. La riccia, 5c+ (18 m) – Via divertente e facile su canne e buchi, davvero bella! Chiodata da Paolo Baldassarre.
  2. Pete de puercu, 6c+ (18 m) – Strapiombo su canne e buchi, chiodato seguendo una linea logica stupenda. Intuizione, chiodatura e FA di Paolo Baldassarre.
  3. Carlo Maria, 5c+/6a (20 m) – Via di placca su roccia stupenda, passo centrale non banale poi ribalta su diedro. Bellissima via chiodata dai fratelli Elio e Franco Settembrini.
  4. Turcinieddhu, 7a+ (20 m) – Monotiro abbastanza corto e fisico su strapiombo con un intenso blocco centrale. Bello! Chodato da Giovanni Ongaro e Cristiano Ticci
  5. Lu sule lu mare lu ientu, 7b (35 m) – Intensa via di resistenza su incredibile strapiombo! Scalata fisicamente esigente, panorama mozzafiato assicurato!!! Top! Chodato da Giovanni Ongaro e Cristiano Ticci
  6. Pizzi e sineddhe, 7c (35 m) Chiodato da Fabio Palma e Luca Passini
  7. La pietra del sud, 8a (32 m) Chiodato da Fabio Palma e Luca Passini
  8. Scapece, 7c+ (20 m) – Uscita in comune con la 7. Chiodato da Fabio Palma e Luca Passini
  9. La mannuta, ?? (25 m) – Variante d’uscita della 7, non liberata. Chiodato da Fabio Palma e Luca Passini
  10. Due cuori, 7c (35 m) Chiodato da Fabio Palma e Luca Passini
  11. Primitivo, 7b+/7c, (35 m) Chiodato da Fabio Palma e Luca Passini
  12. ?? – Monotiro parzialmente chiodato
  13. Negroamaro, 7b (25 m) – Via “da scalare” con un blocco centrale non banale, scalata su vele e canne. Esteticamente spettacolare!!! Chiodato da Fabio Palma, Giovanni Ongaro, Cristiano Ticci e Luca Passini

Più facile e molto meno esposto ( sulla dx prima di deviare a sx verso la grotta) è il seguente settore, attrezzato da Giovanni Ongaro e Cristiano Ticci

Anga della Mannuta

1. En garde – 30m – 6a+
2. Beat – 30m – 6b+
3. Aglio selvaggio – 25m – 6c
4. Papuscia – 35m – 7a
5. Cuccuvascia – 35m – 6c+
6. Il cannone- 35m – 7b
7. Cicala – 35m – 6b
8. Tarantula- 25m – 6a

Località: Santa Maria di Leuca, Salento, Puglia, Italia.

  • lunghezza massima  35 m
  • anelli di calata.
  • Esposizione est, va in ombra dalle 11.30.

Sentiero piuttosto esposto con corda fissa nell’ultimo tratto

Indicazioni Stradali: da Santa Maria di Leuca imboccare la SP358 e procedere per circa 3 km, parcheggiare in prossimità del 47° km (vedi cartello su SP).

Avvicinamento: imboccare il sentiero che scende verso il mare (39.814135,18.383064), sulla destra di una villetta circondata da un muro in pietra. Proseguire lungo il “tratturo” (sentiero in gergo) fino a trovare (sulla sinistra) dei bollini rossi. Da qui scendere verso il mare seguendo i bollini rossi (a volte anche “omini” in pietra) trovando, prima una corda fissa, e poco dopo il settore dell’Anga (ben visibile sulla destra). Da qui il sentiero prosegue sulla sinistra fino a una cengia molto esposta attrezzata con corde fisse.

E ora, deliziatevi con il Salento

SAMSUNG

Related Articles

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Rimani connesso con noi

28,000FansMi piace
47,510FollowerSegui
8,460IscrittiIscriviti

Categorie

Ultime News