spot_img

Atlante Perverso – SA011

Atlante Perverso, di Davide Spini

atlante_perverso

Davide Spini lo abbiamo già incontrato, in Stile Alpino. Giovane, forte, appassionato, ambizioso. E, perfino, gran lettore e, diciamo noi, ottimo scrittore di alpinismo.

Sensazioni e ricordi di una settimana di divertente lotta con l’alpe. A volte non ci si vuole proprio divertire e basta, neppure in vacanza. Pensieri dall’apertura di una via nuova di Giovanni Ongaro, Andrea Pavan e Davide Spini

Taghia è veramente un gran posto per scalare. L’ambiente è bellissimo, le pareti sono magnifiche, la roccia è quasi perfetta, le vie sono chiodate abbastanza bene ed inoltre costa veramente poco.

Immaginatevi un villaggio fatto di casette in pietra marrone con il tetto piatto a due ore di cammino dall’ultima strada sterrata. Aggiungete qualche canale di irrigazione, dei campi di mais alternati da patate, carote, zucche e qualche pesco. Alzate lo sguardo al cielo ed osservate le pareti rosse e grigie che stanno a Ovest e a Sud. Addentratevi in un qualsiasi canyon, attaccatevi alla prima linea che vi attira e ne resterete soddisfatti!

“Anche stavolta ho esagerato.”

Mi sono fatto trasportare dal solito euforico ingaggio tipico del chiodatore che vuole dimostrare qualcosa e sono andato un pochino lungo.

La mente e le braccia provate dalle lunghe giornate in parete non vogliono più andare avanti. Sono stanche e non se la sentono di riprovare l’ebrezza di accelerare a 9,8 metri al secondo quadrato con tutta quest’aria sotto le chiappe.

“Simo Blocca!”

La mia forza di volontà è stata piegata da 4 giornate di apertura e ora mi ritrovo appeso come un salame.

(…)

Related Articles

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Rimani connesso con noi

28,000FansMi piace
48,157FollowerSegui
8,460IscrittiIscriviti

Categorie

Ultime News