spot_img

Patagonia, Pedeferri: L'appetito vien mangiando…

L’APPETITO VIEN MANGIANDO

mermoz-dissolved

 

Giovedì 26. Hai 1 nuovo messaggio. Apri. “Ciao Sono Simone…” La Patagonia ha regalato agli alpinisti un lungo periodo di bel tempo ed il gruppo composto da Simone Pedeferri, Lorenzo Lanfranchi e Mirko Masè come potrete leggere direttamente dalla “penna” di Simone non ha perso neanche un minuto. Ora il tempo è peggiorato, gli alpinisti sono a El Chalten  ma dopo 11 giorni filati di bel tempo e azione un po’ di relax ricaricando le pile e progettando le mosse per i giorni a venire sarà certamente vissuto con animo disteso…

 

di Simone Pedeferri

Siamo partiti in 4 per la Mermoz, parete W: Io, Mirko, Pala e Carsten (Von Birkhahn). Abbiamo stabilito il campo base al passo Mermoz, in 2 giorni abbiamo scalato 10 tiri fantastici di 7a+ A3 con tratti in
fessura bellissimi e altri passaggi in artificiale su Sky hook. Purtroppo però la parete si e’ difesa alla grande e ci ha giocato un brutto scherzo: la zona centrale si e’ rivelata strapiombantissima e liscia, quindi ci si e’ posto un problema “etico-morale”: se forzare per 2 o tre tiri la parete (con molti spit e largo uso di artificiale) o rinunciare al progetto.

Il nostro modo di scalare ci ha sempre portato a salire delle linee logiche in montagna e a tutti e 4 questa e’ sembrata una linea troppo forzata per il nostro stile; non e’ facile rinunciare ad una salita del genere dopo che hai fatto cosi tanta fatica a portare il materiale e scalare tutta la prima parte, avendo avuto anche il tempo bello per poter continuare; per questi motivi la nostra scelta e’ stata ben ponderata.
Dopodiche’ abbiamo passato due giorni di brutto tempo al passo Mermoz a tenere le tende per il vento, una delle due ha ceduto.

Il terzo giorno fino alle 4 della mattina ha piovuto, alle 5 il cielo era tutto stellato e siamo partiti per il pilastro Est della Mermoz, per salire la via “Red pillar” o “Vela y viento” (700m, 7b+ max), aperta da Kurt Albert e Bernd Arnold.

243791_3384430805906_100529894_o

Erano anni che volevo salire questa via e sognavo questa linea purissima in fessura; l’abbiamo salita tutti e 4 e posso assicurare che la via era veramente dura. Gli ultimi tiri ci hanno impegnato duramente a cause del ghiaccio nelle fessure ed ho dovuto tirare fuori tutta la mia esperienza per passare. Dopo la
cumbre e la discesa ci siamo trovati sul ghiacciaio di notte, perdendo le tracce di salita, quindi abbiamo vagato per 2 ore tra i crepacci prima di ritrovare la strada giusta verso il passo Guillamet.

Siamo rientrati a Chalten con tutto il materiale e dopo un giorno di riposo io, Pala e Mirko siamo ripartiti alla volta della valle del Torre.

Avevamo un’idea di un concatenamento di piu giorni, ma il canale di accesso alla prima parte della via era sotto il tiro di continue scariche; quindi abbiamo deciso di ripetere la via “Chiaro di luna” (800 m, 6c) alla Aguglia St. Exupery.

Il giorno successivo abbiamo salito questa via in velocita’ e dalla cumbre abbiamo deciso di traversare verso la punta Ovest per calarci verso la Aguglia S. La discesa si e’ rivelata piu impegnativa del previsto e siamo arrivati alle ultime luci del giorno nel canale tra le due aguglie e siamo scesi.

E’ stato fatto tutto in 11 giorni filati…

Related Articles

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Rimani connesso con noi

28,000FansMi piace
47,852FollowerSegui
8,460IscrittiIscriviti

Categorie

Ultime News