spot_img

Digital Crack per Matteo Piccardi

Digital Crack per Matteo Piccardi

DSC_1212 SITO

fingerprint

Il giorno 17 Agosto Matteo Piccardi è riuscito nella ripetizione di “Digital Crack”, un tiro di 8a situato su un contrafforte dell’Aiguille du Midi, nel gruppo del Monte Bianco. L’esteticità della linea, l’ambiente surreale in cui è inserita e la difficoltà del tiro unita alla quota di circa 4000 metri hanno creato un alone di leggenda che cercheremo di farvi intuire grazie anche alle bellissime foto.

DSC_1052

Anche Matteo è rimasto colpito da questo tiro e ci ha inviato alcune sue sensazioni.

“Ladro di equilibri”, di Matteo Piccardi

Sono carico di aspettative, forse come tante volte troppo carico.

 

La tensione gioca spesso brutti scherzi, soprattutto quando tutto dipende da equilibri precari, da movimenti controllati, quasi a dover trattenere il respiro per non sbilanciarsi.

 

Ma il controllo non basta su questo mozzicone di granito; per venticinque metri di appigli da stringere con la giusta dose di rabbia.

 

Questo pezzo di protogino rosso fuoco, piovuto da chissà dove nel bel mezzo della cresta dei Cosmiques ha un anima, rude e selvaggia, come la roccia di cui è fatto.

Oggi tutto scorre al rallentatore, le lancette dell’ orologio, il sole nel cielo; persino i gracchi mi appaiono rallentati nel loro volteggiare.

Mi vedo spettatore di me stesso, mi osservo sfilare il pile e rimanere in maglietta, schiena alla parete appeso alla sosta, cercare di far confluire in un unico e duraturo istante, ambizione, rabbia, paura, concentrazione..

Mi osservo partire dalla sosta con la sola consapevolezza di dover stringere le dita su quelle minuscole rughe di roccia, fin quasi a fonderne la pelle con il granito, fin a divenire un’unica cosa con l’elemento su cui mi muovo, con la sola idea di spingere il mio corpo verso l’alto, attraverso una serie infinita di equilibri rubati alla gravità.

E ancora mi sorprendo sospeso su quel pilastro, ad ingaggiare una battaglia senza quartiere con il mio io, con la paura di sbagliare nuovamente, con il mio ego che urla la sua frustrazione!

Appigli e appoggi scorrono in una disordinata miscellanea di sequenze verso l’alto finché esco dal cono d’ombra della parete e raggiungo la “cima”  piatta di questo monolite e ancora incredulo mi godo finalmente l’odiato sole e le voci amiche intorno a me.

IMG_0064

 

Related Articles

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Rimani connesso con noi

28,000FansMi piace
48,157FollowerSegui
8,460IscrittiIscriviti

Categorie

Ultime News