spot_img

The Egger Project part 1 MATTEO BERNASCONI

12-02-2011
The Egger Project part 1
E’ con piacere che riceviamo direttamente dalla penna di Matteo Bernasconi la cronostoria della Spedizione Patagonica che ha condiviso con Matteo Della Bordella a cavallo tra gli ultimi giorni del 2010 ed i primi del 2011. Matteo parla di “Egger Project” poiché è fortemente intenzionato a ritornare sotto questa parete ancora inviolata ma che ha svelato alcuni dei suoi segreti e necessita di forza e determinazione per essere vinta. Come dice Matteo: 1 a 0, ma la partita è ancora aperta…
166652_1693593431423_1585424293_31539957_7925814_n

Perché Progetto Egger, semplicemente perché siamo pronti per ritornare sulla parete e continuare quello che abbiamo iniziato… Torre Egger 1 – Ragni di Lecco 0 Ma la partita non è ancora finita, siamo solo agli inizi! Ecco come’è andato il primo round: Siamo io, Matteo “berna” Bernasconi e il “Teo” Matteo Della Bordella che il 25 dicembre partiamo dall’Italia con l’intenzione di trascorrere 45 giorni in Patagonia per realizzare il nostro sogno, salire la Torre Egger da ovest, una parete ancora inviolata.

Partiamo a Natale, destinazione Buenos Aires e con un volo interno raggiungiamo il 26 dicembre alle 14.00 ora locale il paese di el-calafate dove facciamo spesa di viveri, compriamo gas e benzina per i fornelli e alla sera prendiamo il bus che ci porta a el-chalten; con noi abbiamo circa 130kg di bagagli… un trauma tutte le volte spostarli. Il 27 dicembre recuperiamo 8 ragazzi che fanno i porter che ci aiuteranno nel trasporto del materiale fino al passo marconi e per fare le ultime spese. Dividiamo il materiale nei vari zaini dei porter, il nostro saccone risulta essere più pesante del previsto, i chili sono tanti, abbiamo con noi 230kg di materiale da trasportare sulle spalle. Il 28 dicembre alle 4.00 del mattino partiamo da El-Chalten io, il teo, e gli 8 ragazzi alla volta del ponte per la piedra del fraile, punto di partenza per raggiungere il passo marconi che raggiungiamo intorno alle 16.00.

I porter tornano a El-Chalten e ora siamo rimasti io e il teo con i nostri 230kg di materiale da trasportare al circolo de los altares, più precisamente sotto al filo rosso; questo sarebbe stato il programma per il giorno successivo. Montiamo la nostra tenda e passiamo la notte al passo marconi, il tempo è bello ma nella notte si alza un vento forte.
Il 29 dicembre alla mattina tentiamo con la nostra slitta di trascinare in due più di 100kg di materiale alla volta del filo rosso; il vento è troppo forte, non riusciamo a stare in piedi, la slitta è troppo pesante, il vento fortissimo ci ricaccia indietro. Sistemiamo tutto il materiale al marconi, il vento solleva piccoli sassi e neve ghiacciata dal terreno, decidiamo in fretta e furia di tornare alla plagitta, un punto sicuro dove stare con la tenda a 3 ore circa dal passo.

In plagitta passiamo il 29, il 30 e il 31 di dicembre, tre giorni di vento fortissimo, il 30 è accompagnato anche dalla pioggia, ci siamo solo noi, per tre giorni non incontriamo nessuno, e per tre giorni abbiamo da mangiare solo 1 kg di pasta, 2 scatolette, 3 pacchetti di cerealitas…una fame d’altri tempi! Il vento al passo marconi non ci aveva permesso di recuperare altro cibo.

Il 1 gennaio il tempo è bello, assenza di vento e caldo, partiamo alle 4.00 dalla plagitta, raggiungiamo il passo e trainiamo il primo carico, più di 100kg, la maggior parte dei chili è sulla slitta che trainiamo in due, gli altri sulle spalle, fino al filo rosso che raggiungiamo intorno alle 16.00. Incominciamo a costruire la truna ma alle 22.00 stravolti ci infiliamo nei sacco a pelo.

È il 2 gennaio alle 2.00 di notte ripartiamo di nuovo verso il Passo Marconi per recuperare il resto del materiale; ci carichiamo altri 100kg circa e ritorniamo al filo rosso che raggiungiamo nel primo pomeriggio, il tempo è sempre molto bello. Finiamo di costruire la truna che ci impegna per altre 4 ore, il nostro campo base sotto la parete è pronto; in due giorni abbiamo trasportato tutto il materiale e sistemato il campo base.

Il 3 di gennaio è sempre bello e caldo ma io e il teo decidiamo di riposare, dobbiamo recuperare per poter andar in parete. Il 4 di gennaio fa caldo e piove per tutta la giornata. Il 5 di gennaio la sveglia suona molto presto, alle 2.00 partiamo dalla tenda in direzione della parete, è una giornata bellissima. Con noi abbiamo tutto il materiale più 200 m di statiche, insomma abbiamo dei sacconi pesantissimi.

420527_3041172880067_1585424293_32542959_1734574208_n

Il ghiacciaio si rivela pericoloso e abbastanza laborioso da attraversare ,e man mano che ci avviciniamo anche lo zoccolo risulterà più laborioso del previsto. Saliamo i primi 250 m di zoccolo, scaliamo 100m su roccia-misto sul V°-VI° , poi un nevaio sui 60° di pendenza, fino a raggiungere la base della parete. Scaliamo anche i primi 3 tiri della via, fissiamo con le corde fisse ma intorno alle 18.00 iniziamo a scendere perché dobbiamo fissare i primi 100m di zoccolo prima del nevaio. Il nevaio sarà l’unico tratto non fissato. Alle 23.00 circa siamo di nuovo alla tenda, stanchi ma felici del lavoro fatto, il teo si è fatto anche un tiro in scarpette! Ogni tanto la parete scaricava, ogni tanto saltavamo per aria! stavamo imparando a conoscerla…

Il 6 di gennaio è brutto, il 7 è stata una giornata difficile da interpretare, la pressione si abbassava, grosse nuvole sullo hielo, al mattino pioggia e in tarda mattinata tempo bello, ormai era troppo tardi per andare in parete, diventava pericoloso fare l’avvicinamento al sole. La meteo ci dà 3 giorni di bello, prepariamo i sacchi con gli altri 200 m di statiche e cibo per 3 giorni. Avevamo visto che si poteva bivaccare in parete, con noi anche sacchi a pelo e fornello. Alle 3.00 partiamo dalla tenda, il tempo è bello ma fa molto freddo. Risaliamo le fisse fino al punto massimo raggiunto e notiamo che il tempo sta cambiando, si rannuvola e fa sempre molto freddo.

Facciamo 5 tiri di corda, quasi tutti avvolti nelle nuvole, intorno alle 18.00 incomincia a nevischiare e il vento si rinforza. Incominciamo a scendere e a sistemare le fisse, abbandoniamo l’idea di bivaccare in parete, fa troppo freddo, nevica, e il vento aumenta sempre di più e non abbiamo nessun riparo per provare a stare in parete, lasciamo materiale e cibo. Sul nevaio inizia a sbuferare, vento forte e neve…una lozza come dice il Teo!siamo molto felici della decisione appena presa. Alle 23.00 raggiungiuamo in piena bufera la truna.

È il 9 gennaio, nevica, fuori dalla truna bufera…così come i giorni successivi. Rimaniamo bloccati in truna per il brutto tempo per i 10 giorni consecutivi. Il 15 di gennaio è il mio compleanno, ma fuori è sempre brutto. La meteo continuava a dare brutto tempo, decidiamo di ritornare a el-chalten, per recuperare un po’ di cibo e per far festa, insomma eravamo stufi di stare sdraiati in tenda nell’umido.

Archivio Matteo Bernasconi-Ragni Lecco-Patagonia 2011-2012-TORRE EGGER (217)

Lasciamo il campo montato e ci rechiamo a El Chalten in giornata, in 10 ore, scarichi copriamo circa i 45km che ci distanziano dal paese. Rimaniamo in paese per i due giorni successivi, poi tentiamo di rientrare al campo ma la giornata finirà al rio elettrico, il rio che dista circa a 1.30h di cammino da fraile, sotto una pioggia incessante, ritorniamo a El-Chalteni; anche al El-Calten continua a piovere.

Passiamo altri 2 giorni in paese, poi tentiamo di rientrare, quel giorno davano vento forte ma ci è andata bene, il Passo Marconi siamo riusciti ad oltrepassarlo, solo nelle ultime ore di cammino nello hielo ci ritroviamo a combattere con il vento e la neve di una bufera. Dopo 12 ore di cammino, stanchissimi arriviamo alla truna che per metà è distrutta, la tenda sepolta dalla neve e in tenda un sacco d’acqua in cui galleggia il resto della roba. Passiamo la notte come riusciamo e così anche il giorno successivo sotto l’ennesima nevicata, la meteo dava bello…ma non era così!

È il 25 gennaio, è nuvolo, le pareti non si vedono, fa molto freddo, decidiamo di sistemare la truna visto che il tempo ci regala un momento di tregua; l’idea era quella di salire in parete se ci fossero state le condizioni per il giorno successivo, la meteo dava 4 giorni di bello ma la pressione era ancora bassa, incominciavamo a pensare che le previsioni erano sbagliate. Nel pomeriggio, si apre, tutto azzurro, vediamo le pareti totalmente incrostate di neve, capiamo che la spedizione era finita…due valanghe scese sulla via ci fanno desistere nel provare a salire. Decidiamo di sistemare tutte le nostre cose e nella notte di partire verso El Chalten, l’aggiornamento meteo prevedeva ancora brutto tempo per i giorni successivi, e così è stato.

Un sogno solo rimandato, io e il teo siamo già pronti per il nuovo tentativo, tutto è già organizzato e pronto per l’anno prossimo, bisogna solo aspettare la nuova stagione patagonica – esperando nel bel tiempo! esta es la Patagonia! La linea di salita percorre un tentativo fatto da Ermanno Salvaterra nel 1997 con Adriano Cavallaro. Salvaterra in quell’occasione salì 250m, 7 tiri di corda. Abbiamo trovato le soste, dall’ultima sosta trovata, il 7 tiro, siamo saliti di 50m. in totale abbiamo salito 8 tiri di corda 300m di via.
Ringrazio Ermanno per tutte le info…!
Ringrazio: Adidas per l’abbigliamento tecnico, Scarpa per gli scarponi

[new_royalslider id=”94″]

Patagonia

Per info e serate:
A.Guida Alpina Matteo “berna” Bernaconi
bernaclimb@libero.it

Related Articles

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Rimani connesso con noi

28,000FansMi piace
47,963FollowerSegui
8,460IscrittiIscriviti

Categorie

Ultime News