Questo post è disponibile anche in: Inglese

McKinley-Alaska

L’imponente mole del Denali, fotografato nel 1961, nel corso della storica spedizione che vide protagonisti alcuni fra i migliori giovani talenti dei Ragni, accanto al veterano Riccardo Cassin

La bella impresa di David Bacci e Luca Moroni, che il 23 giugno hanno raggiunto la vetta del Denali lungo l’impressionante via degli Slovacchi (prima ripetizione italiana e in assoluto una delle pochissime ripetizioni), è solo la prima puntata di un’estate alpinistica che si presenta davvero ricca di grandi momenti d’avventura per gli scalatori del Gruppo Ragni.

Fra pochi giorni (il 29 giugno) partirà la spedizione diretta alla Kondus Valley, in Pakistan, composta dai Ragni Simone Pedeferri e Luca Schiera e da Federica Mingolla.

Simone, Luchino e Federica... quasi pronti per la partenza!

Simone, Luchino e Federica… quasi pronti per la partenza!

“Lo scopo del viaggio - spiega Luca – è entrare nell’area della Kondus valley e aprire una nuova via in arrampicata libera su una delle pareti di queste valli che offrono molte possibilità di arrampicata su pareti sia di roccia che di misto, da quota 4000 a 7000. Dato che l’accesso a questa zona militare è rimasto per lungo tempo proibito (e tuttora necessita di un permesso speciale), quasi tutte le montagne non sono mai state salite né probabilmente viste o fotografate da alpinisti. Avremo una ventina di giorni a disposizione per realizzare i nostri obiettivi”.

dia213

Montagne della Kondus Valley (ph Natale Villa)

Quote più basse ma pareti altrettanto maestose attendono invece Matteo De Zaiacomo, Marco Maggioni e Dimitri Anghileri: “Io Marco e Dimitri andremo poco a sud della citta di Ambalavao nell’entroterra del Madagascar del sud  - racconta Matteo - Staremo nella valle di Tsaranoro, che fa parte del parco naturale Andringitra, per cercare di aprire nuove vie sulle ripide pareti di 800 metri del gruppo del Tsaranoro e del Karambony“.

L’ultima delle spedizioni in programma è quella dei Ragni Matteo Della Bordella, e Matteo Bernasconi, questa volta in compagnia di  Tito Arosio. Per ora possiamo dirvi poco o nulla, se non che la destinazione saranno le grandi montagne del Perù e nel mirino sembra esserci la celebre Siula Grande.

19601612_1928556324086406_5349094036050283492_n

Un poker di progetti ambiziosi in merito al quale anche il presidente dei Ragni Fabio Palma ha voluto rilasciare un commento:

“Anzitutto, dò il benvenuto a Federica Mingolla e Tito Arosio come compagni di spedizione dei miei ragazzi, siamo ancora ebbri di entusiasmo per la notizia della salita in Alaska  e Luca e direi che è di buon auspicio (Luca venne alla nostra cena sociale prima di natale, uno dei momenti più belli dei miei anni di Presidenza, un’atmosfera di gioia e serenità incredibile).

In secondo luogo, lasciatemi ringraziare Adidas Terrex, con la quale collaboriamo dal 2010, e anche Camp e Sport Specialist, per il supporto che ci danno in questi sforzi. Infine voglio ringraziare Luca Passini, Carlo Aldè, Luca Schiera, Pino Floccari, Luca Schiera e Adriano Carnati. Tanti sacrifici e un lavoro spesso durissimo hanno portato questo consiglio dei Ragni a supportare sei spedizioni extraeuropee in 8 mesi.

So che a volte il mio iperattivismo è difficile da seguire, ma i ragazzi e voi tutti appassionati state apprezzando i nostri sforzi ( lo si vede dalle serate, sembrano ormai concerti di Pearl Jam o Twenty One Pilots) e l’entusiasmo è straripante.

Denali, Pakistan, Madagascar, Perù… 4 continenti in 4 mesi. Alpinismo globale!“.